Sono stati ultimati i lavori per la realizzazione della prima delle tre colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, quella situata nel parcheggio adiacente il supermercato Famila. Nei prossimi giorni Enel attiverà la connessione alla rete elettrica e la colonnina entrerà in servizio, sarà operativa 365 giorni l’anno h24. Per utilizzarla sarà necessario sottoscrivere un contratto con l’operatore e poi, attraverso una tessera o con lo smartphone, sarà possibile individuare la colonnina più vicina disponibile per eseguire la ricarica ed effettuare il relativo pagamento elettronico.

Nei prossimi giorni verranno installate le altre due colonnine, una nel parcheggio attiguo la scuola primaria, in via Gramsci e l’altra nel parcheggio adiacente la rotatoria del Lavoro, vicino alla casa dell’acqua. “Con la realizzazione della prima colonnina per la ricarica dei veicoli elettrici – dichiara il sindaco Roberto Sanulli – si compie un passo importante verso la salvaguardia dell’ambiente e per favorire la qualità dell’aria. In tal modo, anche Gambettola contribuisce ad incentivare la mobilità elettrica ad emissioni zero in grado di ridurre l’inquinamento sia atmosferico che acustico. Attiviamo così un servizio utile allo sviluppo del mercato dei veicoli elettrici, oggi in fase di decisa espansione”.

“Voglio ringraziare la ditta Be Charge srl di Milano – prosegue il Sindaco – che ha risposto positivamente al nostro bando e ha deciso di investire a Gambettola realizzando a proprie spese, senza alcun onere per l’Amministrazione, le tre colonnine per la ricarica elettrica dei veicoli. La concessione che abbiamo sottoscritto avrà una durata di 8 anni e potrà essere rinnovata”.

“Con questo intervento – conclude Sanulli – Gambettola si inserisce in una rete che, nella nostra Regione, conta circa 200 colonnine già in funzione. Rete che si espanderà ulteriormente nei prossimi mesi dal momento che la Regione Emilia – Romagna ha recentemente firmato un accordo con alcune ditte del settore, fra le quali anche Be Charge, che prevede l’installazione di 1.500 nuove colonnine entro il 2020”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.