Ruba un Ipad e poi chiede alla vittima i soldi per restituirlo. È stato denunciato per furto aggravato ed estorsione; al processo il giudice ha deciso per la misura cautelare dell’obbligo di dimora con il divieto di lasciare l’abitazione dalle 20 alle 7 del mattino. Lui è un 22enne marocchino domiciliato a Cesenatico; il 3 aprile si è impossessato di un Apple Ipad e di alcuni effetti personali lasciati a bordo del treno regionale Rimini Ravenna di un uomo di 43 anni, un bellariese. Il marocchino aveva successivamente contatto il bellariese dopo avere estrapolato i dati sul Ipad e pretendeva 500 euro per restituire il dispositivo al proprietario, minacciando lo stesso di divulgare dati sensibili presenti sul dispositivo se non avesse accettato l’estorsione, fissando anche l’incontro per la mattinata del 4 aprile in piazza Costa a Cesenatico. I militari del Comando Compagnia hanno organizzato un servizio in abiti civili; sono riusciti a bloccare il 22enne dopo che aveva ricevuto dalla vittima banconote in precedenza “segnate” per la rintracciabilità. Durante la perquisizione personale e domiciliare sono state infatti recuperate oltre al Ipad e il tutto è stato restituito al bellariese. Il marocchino è stato arrestato per furto aggravato ed estorsione; al processo la pena è stata la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.