Il Comune di Cesena ha mosso i primi passi per individuare il nuovo soggetto a cui affidare la gestione del canile intercomunale di Rio Eremo e, più in generale, degli interventi per la tutela e il controllo della popolazione canina: sull’Albo Pretorio è stata pubblicata la determina firmata dal dirigente del settore Tutela dell’Ambiente che mette in moto le procedure in vista della gara:  tra poco, infatti, a questa seguirà la pubblicazione completa del bando a cura del settore Stazione Unica Appaltante della Unione dei Comuni Valle del Savio.

Secondo quanto si legge nel documento dirigenziale, i servizi che verranno messi a gara, oltre alla gestione del canile,  sono quelli inerenti all’accalappiamento, recupero, custodia, mantenimento e cura dei cani abbandonati sul territorio dei Comuni di Cesena, Gatteo, Longiano, Roncofreddo, Gambettola, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Borghi, Sogliano sul Rubicone, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Bagno di Romagna e Verghereto. L’affidamento avrà la durata di due anni, dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2021. L’importo che verrà messo a base d’asta sarà di  290mila  euro.

A Cesena è la prima volta che si ricorre a questa procedura per affidare il servizio. Finora, infatti, per la gestione del canile di Rio Eremo e dei vari servizi correlati il Comune di Cesena, in qualità di capofila dei Comuni del Comprensorio (con esclusione di Cesenatico), ha contato sulla collaborazione con le associazioni di volontariato del settore. Nello specifico, attualmente a occuparsi di queste mansioni è l’Associazione Cesenate Protezione Animali – Acpa, in virtù di una convenzione il cui termine è fissato al 31 dicembre prossimo

“Procediamo alla gara di appalto – spiega l’Assessora alle Politiche Ambientali Francesca Lucchi –  come indicato dalla normativa, tenuto conto anche del pronunciamento del Consiglio di Stato che nell’agosto scorso ha specificato che la gara è lo strumento per affidare questo tipo di servizio e così, di fatto, ha escluso la possibilità di ricorrere al convenzionamento con Enti del Terzo Settore.  In ogni caso, il nostro obiettivo principale resta quello di tutelare il benessere animale, garantendo le attenzioni necessarie agli ospiti del canile, incentivandone gli affidi, sensibilizzando i proprietari e portando avanti tutte le altre misure idonee per prevenire i casi di abbandono e contenere il randagismo. E su questo fronte sicuramente continueremo a valorizzare l’apporto dell’associazionismo”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.